L’asessualita non e un macchinoso. Non e una malore.

L’asessualita non e un macchinoso. Non e una malore.

Non e necessariamente il avvertimento di un colpo. Non e un contegno. Non e il prodotto di una disposizione. Non e un promessa di pudicizia o un prassi in esprimere in quanto stiamo “salvando noi stessi”. Non ci definiamo religiosi. Avere luogo asessuali non e una dichiarazione di pulizia ovvero di predominio virtuoso.

Non siamo amebe ovverosia piante. Non siamo necessariamente confusi sulla nostra spettanza di tipo; non siamo anti-gay, anti-etero, anti-qualsiasi consapevolezza della direzione del sesso, anti-donna, anti-uomo, anti-qualsiasi qualita oppure anti-sesso. Non stiamo logicamente attraversando una eta, seguendo una inclinazione oppure cercando di ribellarci. Non ci definiamo asessuali semplice perche non siamo riusciti per accorgersi un collaboratore competente. Non abbiamo necessariamente angoscia dell’intimita. E non stiamo chiedendo per nessuno di “curarci”.

Da “The invisible orientation” (2014) di Julie Sondra Decker, scrittrice e sostenitore asessuale.

Le definizioni verso volte sono importanti oltre a in quegli perche non dicono che per colui giacche dicono. Prendiamo per caso l’asessualita, definita che l’assenza di attrazione del sesso in altre persone. La spiegazione lascia aperta la facolta cosicche le persone asessuali possano sentire altre forme di fascino, tentare concitazione erotico, avere fantasie erotiche, masturbarsi oppure vestire rapporti sessuali per mezzo di altre persone, dall’altra parte logicamente per alimentare relazioni sentimentali. (más…)

Leer más